Leggimi o ascoltami

Per sfruttarne pienamente le virtù, i broccoli andrebbero conservati in frigo e bisognerebbe consumarli il prima possibile dopo l’acquisto (entro 5 giorni). È bene poi spezzare o tagliare i broccoli in cimette piccole prima di cuocerli: così facendo si favorisce la formazione del sulforafano, sostanza protettiva che si forma quando si rompono le pareti vegetali dei broccoli crudi. Una volta cotti, per esempio al vapore, l’aggiunta di un po’ di senape consente di migliorare ulteriormente l’assimilazione di questo prezioso composto.

DOTT.SSA MARTINA DONEGANI
BIOLOGA NUTRIZIONISTA

INGREDIENTI PER 1 PERSONA: 80 g di trofiette fresche – 4 cimette di broccoletti – una piccola patata – brodo vegetale (se necessario) – olio extravergine di oliva (un cucchiaio) – 10 g di parmigiano reggiano – una manciata di pinoli.

 

Monda le cimette dei broccoletti e cuocile al vapore insieme alla patata pelata e ridotta a tocchettini. Nel frattempo, fai bollire l’acqua per la pasta. Frulla i broccoletti insieme all’olio e ai pinoli, aggiungendo un po’ di brodo se la preparazione risultasse troppo densa. Scola la pasta, condiscila con il pesto ottenuto, la patate al vapore e servi cosparso di parmigiano reggiano.